(function(i,s,o,g,r,a,m){i['GoogleAnalyticsObject']=r;i[r]=i[r]||function(){ (i[r].q=i[r].q||[]).push(arguments)},i[r].l=1*new Date();a=s.createElement(o), m=s.getElementsByTagName(o)[0];a.async=1;a.src=g;m.parentNode.insertBefore(a,m) })(window,document,'script','https://www.google-analytics.com/analytics.js','ga'); ga('create', 'UA-84209681-1', 'auto'); ga('require', 'linkid'); ga('send', 'pageview');

Economie circolari e sviluppo d’impresa e del territorio

Logo Criet

Project Leader: Angelo Di Gregorio

La crisi economica e la scarsità di risorse, unitamente a un sempre maggior interesse verso la tutela dell’ambiente, rendono necessario pensare a nuovi modelli produttivi che superino il tradizionale approccio produzione-consumo-smaltimento (economia lineare) orientandosi verso modelli di produzione- consumo-riciclo/riutilizzo (economia circolare). In questa direzione si muovono da tempo alcune Fondazioni e dal 2014 anche l’Unione Europea con la comunicazione “Towards a circular economy: a zero waste programme for Europe”.

Il CRIET presenta i primi risultati di una ricerca condotta su un campione di marketing manager di primarie imprese italiane, in cui si approfondiscono e analizzano la conoscenza e la diffusione del modello di economia circolare nella realtà di impresa, le analogie e differenze con la green economy, i rischi, i costi e i benefici per le imprese in termini di decisioni strategiche, mutamento nelle relazioni di fornitura e strategie di comunicazione, le principali implicazioni per i consumatori e il territorio, dimostrando una sempre maggiore sensibilizzazione e un crescente interesse verso il tema da parte di tutti gli attori coinvolti.

L’incontro è inoltre l’occasione per dibattere il tema con alcuni degli operatori più attenti e appartenenti al mondo delle Imprese, della Ricerca e delle Istituzioni.