(function(i,s,o,g,r,a,m){i['GoogleAnalyticsObject']=r;i[r]=i[r]||function(){ (i[r].q=i[r].q||[]).push(arguments)},i[r].l=1*new Date();a=s.createElement(o), m=s.getElementsByTagName(o)[0];a.async=1;a.src=g;m.parentNode.insertBefore(a,m) })(window,document,'script','https://www.google-analytics.com/analytics.js','ga'); ga('create', 'UA-84209681-1', 'auto'); ga('require', 'linkid'); ga('send', 'pageview');

Osservatorio sui costi degli adempimenti fiscali. Un’analisi della Regione Lombardia

Logo Criet

Project Leader: Ugo Arrigo e Alice Mazzucchelli

La lotta all’evasione ha un costo che grava anche sui professionisti e sui loro clienti. L’Osservatorio promosso dal CRIET, Centro di Ricerca Interuniversitario in Economia del Territorio dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca e dal CODIS – Coordinamento degli Ordini dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili della Lombardia prende in esame alcuni adempimenti specifici, analizzandone nel dettaglio il costo reale in capo al professionista in relazione alla tipologia di contribuente, all’organizzazione dello studio, ma soprattutto a come Legislatore e prassi hanno strutturato l’adempimento stesso.

La ricerca che viene presentata ha analizzato nello specifico il trade-off esistente tra i costi e i benefici connessi con adempimenti quali la Comunicazione lettere di intento ricevute, la Comunicazione operazioni con Paesi black list, la presentazione di Istanza di rimborso Ires per mancata deduzione Irap relativa alle spese per il personale dipendente e assimilato, gli Studi di settore, lo Spesometro – Elenco clienti-fornitori.

L’indagine si è concentrata, quindi, su adempimenti prevalentemente finalizzati a contrastare l’evasione fiscale e comunque non rientranti nel rapporto fisiologico tra Fisco e contribuente-impresa nel momento della determinazione dell’obbligo impositivo, proprio in questo periodo in cui il Legislatore sta intervenendo su alcuni di essi.