(function(i,s,o,g,r,a,m){i['GoogleAnalyticsObject']=r;i[r]=i[r]||function(){ (i[r].q=i[r].q||[]).push(arguments)},i[r].l=1*new Date();a=s.createElement(o), m=s.getElementsByTagName(o)[0];a.async=1;a.src=g;m.parentNode.insertBefore(a,m) })(window,document,'script','https://www.google-analytics.com/analytics.js','ga'); ga('create', 'UA-84209681-1', 'auto'); ga('require', 'linkid'); ga('send', 'pageview');

Quale finanza per la Brianza

Logo Criet

Project leader: Alice Mazzucchelli

Il commercialista riveste un ruolo centrale nella relazione tra impresa cliente e banca, rappresentando di fatto il professionista che conosce in modo approfondito le aziende clienti e le loro necessità e, pertanto, risulta essere il soggetto naturalmente deputato a rivestire il ruolo di intermediario in tale rapporto. Ma è davvero così?

La ricerca “Quale finanza per la Brianza” promossa da CRIET e ODCEC MB – Ordine dei Dottori commercialisti ed Esperti Contabili di Monza e della Brianza si propone come iniziativa volta a indagare il ruolo rivestito dai commercialisti nel rapporto banca-impresa e a valutare le problematiche relative all’accesso al credito dei propri clienti di studio e l’efficacia dei servizi bancari e finanziari offerti alle imprese del territorio della provincia di Monza e Brianza.

Durante il convegno dell’11 dicembre saranno presentati i risultati di uno studio che ha coinvolto oltre 400 commercialisti di Monza e Brianza. L’incontro sarà anche l’occasione per esperti e professionisti di confrontarsi sui risultati della ricerca e di condividere idee, conoscenze ed esperienze dirette.