(function(i,s,o,g,r,a,m){i['GoogleAnalyticsObject']=r;i[r]=i[r]||function(){ (i[r].q=i[r].q||[]).push(arguments)},i[r].l=1*new Date();a=s.createElement(o), m=s.getElementsByTagName(o)[0];a.async=1;a.src=g;m.parentNode.insertBefore(a,m) })(window,document,'script','https://www.google-analytics.com/analytics.js','ga'); ga('create', 'UA-84209681-1', 'auto'); ga('require', 'linkid'); ga('send', 'pageview');

Materie Prime

Il fabbisogno di materie prime strategiche in Italia

Lo studio utilizza come proxy le importazioni di materie prime considerate strategiche per l’economia nazionale, con l’obiettivo di verificarne il grado di corrispondenza con quelle identificate come critiche dalla Commissione Europea, nell’ultima revisione del 2020.
I dati emersi dalla prima fase di analisi hanno permesso di evidenziare come soltanto 3 delle European Critical Raw Materials siano anche tra le materie più acquistate dall’Italia, alimentando una serie di riflessioni.
I prossimi passi della ricerca ne indagheranno, dunque, l’impiego in settori rilevanti per la nostra nazione, in quanto incorporate in semilavorati o prodotti di rilievo per l’industria, nell’intento di tracciare una valida roadmap per la gestione delle materie prime strategiche nel nostro Paese.

Documenti

Presentazione ECOMONDO